tipografia crivellari Azienda Dove siamo Servizi Contatti tipografia crivellari

logo

Usi locali
SEZIONE II: PRODOTTI DELLE INDUSTRIE POLIGRAFICHE, PREVENTIVI, PROGETTI, CONFERIMENTO ORDINI
I preventivi vincolano il fornitore per un tempo non superiore ai 15 giorni dalla data di emissione dell’offerta. Si intendono calcolati:
- per lavorazioni eseguite in ore ordinarie di lavoro;
- per originali dattiloscritti su una sola facciata del foglio, ben distinti ed ordinati;
- con prima bozza in strisciata o stampa laser degli elaborati fotocomposti e con una prima cianografica completa di testi ed immagini completamente impaginati.
- per originali di moduli commerciali, di inserzioni pubblicitarie o di lavori diversi tracciati o indicati nelle loro proporzioni di testo e di spazio.
I lavori vengono eseguiti nell’ambito di una normale programmazione del lavoro. Laddove il compratore ravvisi la necessità di un’esecuzione “urgente” del proprio lavoro, e questo comporti l’utilizzo di lavoro straordinario, notturno o festivo, il fornitore può richiedere una maggiorazione di prezzo rispetto alle condizioni normali.
Non si intendono comprese nel prezzo del preventivo e sono perciò fatturate a parte:
- le spese correnti per rendere in condizioni adatte alla regolare lavorazione le fotografie,
i disegni, gli scritti e tutto il materiale destinato alla riproduzione o alla stampa;
- le spese per bozze successive quando intervengono correzioni tali da non permettere una prosecuzione sicura dell’ordine e per lavorazioni rese necessarie da modifiche apportate dal cliente;
- correzioni per ritocchi elettronici su fotolito.
Ogni variazione in più o in meno dei costi, in particolare ogni variazione del costo della manodopera e delle materie prime e complementari danno diritto ad una proporzionale revisione del prezzo. Sono nulli i patti che escludono l’applicazione dell’art. 1664 del c.c.
I preventivi, le conferme d’ordine e gli ordini devono contenere tutte le specifiche per individuare il lavoro, quali:
- dati necessari alla perfetta identificazione del lavoro fotolito;
- interventi speciali di fotolito;
- formato finale del prodotto;
- tipo di materia prima da utilizzare;
- numero colori di stampa;
- entità del lotto;
- data e luogo di consegna;
- caratteristiche imballo;
- termini di pagamento.
Misure ed impaginazioni richieste devono essere indicate dal compratore in modo leggibile e chiaro.
I testi si intendono sempre corretti ed approvati a cura del committente. In caso contrario il fornitore non si assume alcuna responsabilità su eventuali errori di carattere linguistico e di traduzione da lingue straniere.
Nel caso in cui l’elaborazione del preventivo comporti un impegno professionale e di consulenza gravoso, il fornitore può richiedere un contributo di costo, soprattutto qualora non segua l’ordinazione.
I progetti di esecuzione di lavoro, i disegni, le pagine di saggio, i bozzetti, le prove od altro, eseguiti su richiesta del cliente, sono a carico dello stesso qualora non siano seguiti da ordinazione.
Le fotografie, i bozzetti, i disegni, ecc. se forniti dal committente, restano di sua proprietà.
Lo stesso si applica per progetti di esecuzione di lavoro, disegni, pagine di saggio, bozzetti, composizioni, prove od altro, quando siano eseguiti su richiesta del compratore. Le fotografie, i bozzetti, i disegni, dischetti, ecc. se forniti dal compratore restano di sua proprietà.
Il preventivo comunque sarà confermato alla presentazione degli esecutivi.
Per il perfezionamento dell’accordo è necessario che il compratore conferisca ordine scritto al fornitore direttamente o per mezzo degli agenti di quest’ultimo. L’ordine deve essere accettato espressamente dal fornitore mediante l’invio della conferma d’ordine.
Dopo il conferimento dell’ordine eventuali modifiche segnalate dal compratore possono essere accettate, tenute presenti le esigenze tecniche e commerciali del fornitore e quindi con adeguato aggiornamento di prezzo. I contratti si intendono sempre conclusi nel luogo in cui il fornitore ha il suo domicilio.
Nei casi di conclusione istantanea del contratto e di conseguenza della merce contestuale con l’emissione della fattura e nel caso in cui il fornitore per l’urgenza non abbia potuto emettere conferma d’ordine, si intende che il compratore accetta non solo le qui presenti norme, ma anche la loro integrale applicazione ed interpretazione data dall’ente
proponitore.
La consegna degli originali e/o del materiale per l’esecuzione del lavoro significa accettazione
integrale delle condizioni stabilite nel preventivo, anche se di questo non è stato dato regolare benestare da parte del committente.
Il committente, al ricevimento della conferma d’ordine, deve comunicare, immediatamente, con mezzo idoneo, eventuali discordanze con l’ordine conferito.
Agenzie pubblicitarie/studi pubblicitari: laddove il compratore affidi lo studio del progetto grafico ad una agenzia pubblicitaria o ad uno studio pubblicitario, quest’ultimo è vincolato al fornitore dalle norme che precedono e seguono.

– ESECUZIONE DEL LAVORO –
Il progetto grafico consegnato al fornitore dovrà prevedere tutte le indicazioni, misure, valori di stampa, confezione, ecc., necessarie e sufficienti per permettere al fornitore la realizzazione completa del lavoro in piena autonomia. Se saranno mancanti parti di materiale,
informazioni, ecc. il cliente dovrà completarle per iscritto su semplice richiesta del fornitore.
Eventuali informazioni verbali non comportano alcuna responsabilità del fornitore, nel caso di lavoro contestato per questi motivi.
Nel caso in cui l’agenzia (o cliente) voglia apporre il “visto si stampi” all’avviamento in macchina, egli dovrà essere presente nel momento stabilito dal fornitore e concordato con l’incaricato dell’agenzia (o cliente). Variazioni ragionevoli di tempo per questo incontro sono accettabili nella misura di: 15 minuti. Oltre tale termine l’eventuale fermo macchina andrà caricato a debito del committente.
La firma apposta come “visto si stampi” sopra le copie citate esonera il fornitore da qualsiasi responsabilità per errori, omissioni ed in genere per qualsiasi difformità del prodotto dall’origine proposto dal compratore e dalla descrizione contrattuale del prodotto stesso.
Il fornitore declina ogni responsabilità per eventuali variazioni ottiche derivanti dal processo di plastificazione e verniciatura.
Il fornitore esegue la riproduzione delle tonalità dei colori, dei bozzetti e degli originali a colori anche di origine magnetica, solo nell’ambito della qualità degli originali misurata con densitometro e della riproducibilità tecnica e delle specifiche indicazioni tecnico– produttive comunicate per iscritto dal compratore. Queste devono essere adeguatamente misurate, comunicando al fornitore tali misure con le relative tolleranze.
Diritti di riproduzione e di immagine degli originali: il fornitore non assume nessuna responsabilità eseguendo il lavoro di riproduzione, perché essa si intende – ad ogni effetto – a carico del compratore.
Prove di stampa o chimiche o digitali: quando il compratore riceve le prove definitive deve apporre la propria approvazione.
La prova di fotolito approvata dovrà essere completa con la specifica dei valori tonali, di densità e di contrasto (secondo una scala definita).
Fotolito: le fotolito sono fatturate in rapporto alla superficie.
Benché il fornitore si impegni a prendere tutte le precauzioni per evitare la perdita, il danneggiamento o il furto degli originali, o dei materiali che vengono consegnati per la riproduzione, esso declina – a questo proposito – tutte le responsabilità.
Le opere o i materiali di valore consegnati al fornitore, dovranno o essere forniti in duplicato, o essere assicurati a cura e spese del compratore, contro danni, incendi, furti ecc.
Il giudizio sulle riproduzioni in prova deve essere effettuato a norma, con luce a temperatura colore di 5.000 Klevin e il confronto con la diapositiva con visori non in norma non ha alcun valore in quanto assolutamente soggettivo da parte del compratore.
Il committente è tenuto a richiedere al fornitore correzioni atte al miglioramento del risultato in prova nei limiti degli standard, di riproducibilità degli originali, oppure per comprovata difettosa esecuzione del lavoro. Ogni richiesta soggettiva per giudizio del
committente sarà fatturata a parte.
Le prove colore, siano esse chimiche o digitali o di torchio sono una prima più una seconda con eventuali correzioni.
Per le prove a torchio sono comprese tre copie di stampa a quattro colori di una prova con l’aggiunta degli abbinamenti progressivi.

– MODIFICA E SOSPENSIONE DEL LAVORO –
Iniziato il lavoro, le spese per qualunque modificazione richiesta dal committente sono a suo carico.
La presentazione delle bozze non è d’obbligo per le ristampe integrali di lavori già eseguiti.
Le modificazioni al testo delle composizioni e alla loro disposizione, il cambiamento di carattere precedentemente convenuto, le variazioni della giustezza e della impaginazione, le correzioni d’autore e comunque le correzioni non tipografiche e le composizioni non utilizzate sono a carico del committente.

– BOZZE –
Il committente ha diritto al ritiro per correzione di due copie: le prime bozze in colonna e le seconde impaginate.
Per i lavori grafici comuni, cioè non riguardanti produzioni cromatiche, le bozze sono consegnate in nero con la sola indicazione dei colori che saranno impiegati nella stampa.
Se il committente desidera avere le bozze tirate su carta destinata al lavoro e nei colori definitivi, le spese relative sono addebitate in fattura.
Il compratore è tenuto a restituire le bozze corrette entro il più breve termine possibile in relazione alla natura e/o all’entità del lavoro e comunque non oltre trenta giorni. Se la natura e/o l’entità del lavoro sono tali da richiedere un termine maggiore, questo viene precisato contrattualmente e può essere suscettibile di variazioni di prezzo.
Quando il committente restituisce le bozze definitive o le prove di stampa deve apportare su queste la propria approvazione. L’approvazione esonera lo stampatore da qualsiasi responsabilità per errori ed omissioni. Se per il ritardo nella restituzione delle bozze,
l’azienda grafica deve tenere impegnato il materiale composto per un tempo superiore a 60 giorni, ha la facoltà di procedere all’addebito delle lavorazioni effettuate fino ad allora e allo smontaggio degli impianti, previa diffida al committente notificata con lettera raccomandata: in tal caso il compratore dovrà indennizzare l’azienda grafica delle spese,
del lavoro eseguito e del mancato guadagno.

– IMPIANTI DI STAMPA –
Per impianti di stampa si intendono:
- le pellicole di selezione,
- le pellicole del fotocomposto,
- i montaggi macchina, le lastre di stampa,
- i dischetti prodotti dall’impresa fornitrice e contenenti dati di testo e/o di riproduzioni.
I dischetti forniti dal committente restano di proprietà dello stesso e quindi andranno restituiti a completamento del lavoro e a pagamento avvenuto, su richiesta.
Le pellicole di selezione fornite dal cliente sono di proprietà di quest’ultimo.
Tutto quanto invece realizzato dall’azienda grafica nelle fasi intermedie per ottenere il prodotto finale (disegni, impianti, scansioni, montaggi, testi digitalizzati) è di proprietà dell’azienda grafica stessa poiché risultato del proprio ingegno.

L’azienda fornitrice è tenuta a conservare il materiale inerente ai lavori eseguiti (tranne che per le lastre) per un periodo massimo di 1 anno dall’ultimo utilizzo, rimanendo comunque non responsabile in caso di eventi eccezionali, per incendio o furto.
Le pellicole di fotolito e i dischetti, se forniti dal compratore, vanno conservati per 6 mesi e resi su richiesta.

– STAMPA PERIODICA –
La stampa di giornali, di riviste, di bollettini e di ogni altra pubblicazione di carattere periodico si intende assunta con il reciproco impegno per tutta la durata dell’anno solare in corso. L’impegno è tacitamente rinnovato se una delle due parti non abbia dato disdetta entro i termini stabiliti.
Le rubriche e la pubblicità fissa nei giornali e nella stampa periodica sono fatturate a parte. Sono pure conteggiate a parte le composizioni inutilizzate, le tabelle, le composizioni ad allineamento obbligato, l’uso dei corpi più piccoli del normale e tutte quelle varianti nel corpo del giornale che comportano una maggiore spesa rispetto alla composizione
corrente.

– SOSPENSIONE DEL LAVORO –
Le spese di arresti di macchina o comunque per sospensioni del lavoro avvenute per causa del cliente, sono a carico dello stesso, come pure sono a suo carico le modificazioni non comunicate con la restituzione delle bozze.
Quando il lavoro, a causa del cliente, debba essere sospeso per un periodo superiore ai 30 giorni, lo stampatore ha facoltà di annullare la composizione o quant’altro eseguito, fatturando e pretendendo il pagamento del lavoro eseguito nonché della rimanenza della carta ordinata a lavoro commesso, la quale resta a disposizione del cliente.
Nel caso in cui durante l’avviamento della stampa o successivamente si evidenziano dei problemi sulle pellicole utilizzate, lo stampatore si impegna ad informare in tempo utile il fornitore (fotolito o cliente) per poter farsi consegnare tempestivamente le nuove pellicole.
Lo stampatore non ha alcuna responsabilità in costi relativi a lavori di stampa e successivi, anche parziali, fatti utilizzando fotolito non adatte al lavoro in corso.

– LUOGO DELLA CONSEGNA –
Le spese di imballaggio sono a carico del committente.
Ogni fornitore è libero di confezionare l’imballaggio nel migliore dei modi così da garantire la perfetta trasportabilità, conservazione di fotocolor, prove e pellicole. Qualora il compratore dovesse richiedere un imballaggio particolare, il relativo costo verrà fatturato a parte.
Qualora il committente intenda procedere ad un controllo particolareggiato deve controfirmare, all’atto del ritiro, la bolla di consegna con la formula “salvo verifica” ed il controllo deve essere effettuato entro otto giorni dalla data di ricevimento.

La spesa del trasporto è a carico del committente e la merce viaggia a suo rischio e pericolo.
Se la merce è venduta con la clausola “franco destino” il venditore ha la facoltà di scegliere il mezzo e la via di trasporto ritenuti più convenienti.
La consegna può essere ripartita solo nei casi di ingenti quantitativi o di difficoltà nel trasporto, purchè si esaurisca entro il termine contrattuale.

– TERMINI DI CONSEGNA –
Le consegne concordate non sono mai impegnative ma sono indicative. Se non altrimenti
specificato i prezzi quotati si intendono per merce resa franco stabilimento del fornitore.
A tutti gli effetti la consegna è effettuata presso lo stabilimento del fornitore, quindi la merce viaggia sempre a rischio e pericolo del compratore anche se venduta franco destino.
Il termine di consegna decorre dal giorno in cui perviene al fornitore la consegna di tutto il materiale necessario all’esecuzione del lavoro. Sono esclusi i giorni di visione per le bozze.
Per tutti gli eventuali ritardi dovuti a cause di forza maggiore valgono le norme vigenti.
I termini di consegna sono prorogati per un periodo almeno pari a quello della durata della sopravvenuta forza maggiore (interruzione di forza motrice, guasto fortuito di macchine, astensione dal lavoro ecc.) ed agli eventuali ritardi da parte di terzi nei confronti del fornitore, nella consegna di materie prime di apposita fabbricazione.
Il compratore si impegna ad approvare sollecitamente, con le eventuali necessarie modifiche, i bianco/neri, le bozze, le copie di prova ed i prototipi proposti dal fornitore.
Ogni ritardo da parte del compratore dovrà essere tenuto presente nei casi di ritardata consegna quando ciò non dia origine ad un maggior costo, come già previsto.
Ove il committente non provveda al ritiro della merce entro i termini indicati nell’avviso di approntamento della stessa, i rischi e l’onere della conservazione della merce sono a carico del committente.

– TOLLERANZE SUI PRODOTTI STAMPATI –
Le tolleranze riconosciute in più o in meno sono le seguenti:
a) sulla quantità:
i quantitativi di stampa sono soggetti ad una tolleranza secondo la seguente scaletta:
fino a 1.000 copie 15%
fino a 5.000 copie 10%
fino a 10.000 copie 6%
fino a 20.000 copie 4%
fino a 50.000 copie 2,5%
oltre 2%
in più o in meno a seconda della natura ed entità del lavoro.
Il compratore è tenuto al pagamento della quantità effettivamente consegnata.
Per quanto concerne gli astucci e le scatole pieghevoli i quantitativi di stampa da 10.000 a 500.000 sono soggetti ad una tolleranza del 5% oltre a quella del 3%;
b) sui colori: vale il punto (+ 4.8.1).

Quando il materiale sia fornito dall’azienda grafica, valgono per le forniture le tolleranze qualitative e quantitative e le norme cui i produttori delle materie prime usano subordinare le loro vendite.
Se il committente fornisce la carta, nel rendiconto di questa è ammesso uno scarto dal 3% al 5% a seconda della natura e dell’entità del lavoro: per i lavori stampati con carta in bobina è ammesso uno scarto fino al 25% (in funzione della tiratura).
Per la legatoria, la cartotecnica e la plastificazione è ammesso uno scarto massimo del 3% sul materiale consegnato a seconda della natura e dell’entità del lavoro.
I fogli di scarto, se portanti il timbro della Società degli autori, sono addebitati al rilegatore in base alla percentuale spettante all’autore, oppure restituiti al cliente.
Tutte le copie d’obbligo che, per disposizione di legge o di regolamenti, devono essere consegnate all’autorità, sono a carico del committente.

– PAGAMENTO –
Per i lavori particolarmente onerosi in termini finanziari (vedi acquisto di materie prime, ecc.) o per l’obiettivo protrarsi nel tempo della commessa per le molte lavorazioni previste, il fornitore può chiedere un adeguato acconto per il quale emetterà regolare fattura.
Se i termini specifici non sono stati stabiliti nel contratto o nella fattura, il compratore deve pagare il prezzo a ricevimento fattura. Le spese vive per bolli, vidimazioni, legalizzazioni imposte e tasse devono essere sempre e in ogni caso pagate anticipatamente.
Il luogo del pagamento è a tutti gli effetti il domicilio del fornitore, qualunque sia il mezzo di pagamento pattuito, e quindi anche in caso di pagamento a mezzo tratta, cambiale, vaglia cambiario o titolo analogo.
L’emissione di tratta per il pagamento comunque prevista in contratto, deve sempre intendersi come semplice facoltà concessa al compratore e comunque con bolli a suo carico.
Il pagamento della stampa dei periodici viene effettuato alla consegna di ogni numero e prima della composizione del numero successivo.
In caso di ritardo nel pagamento, il compratore è tenuto a corrispondere interessi in misura uguale al tasso ufficiale di sconto in vigore nel periodo di ritardato pagamento, aumentato di 4 punti.
Quando fra il fornitore e il compratore sono stati conclusi più contratti, se sorge controversia relativamente alla merce oggetto di una o più vendite determinate, il compratore non può sospendere il pagamento delle altre forniture non controverse. Sempre nell’ipotesi di pluralità di contratti, se il compratore non adempie l’obbligo di pagare il prezzo
anche di una sola fornitura, il fornitore può sospendere le forniture in corso e rifiutarsi di eseguire gli altri contratti, salvo, in ogni caso, il suo diritto al risarcimento del danno.

– RECLAMI –
Il contratto è regolato dalla legge italiana.
Per ogni controversia la giurisdizione spetta esclusivamente al giudice italiano. Competente è il giudice del luogo in cui il venditore ha il suo domicilio.

Il termine per la denunzia scritta è di 8 giorni decorrenti dal giorno del ricevimento.
Le merci riscontrate difettose devono essere tenute a disposizione del produttore per 15 giorni dalla data dell’avvenuta contestazione.
In caso di reclami, le merci contestate dal cliente non possono essere da lui comunque utilizzate neppure parzialmente e devono essere tenute a disposizione del fornitore per gli accertamenti, fermo l’onere del cliente di provare rigorosamente le sue contestazioni.
Il compratore è tenuto nel termine tassativo di 8 giorni lavorativi da quello in cui riceve la merce, a verificare la rispondenza e le quantità dichiarate dal fornitore cui deve denunciare eventuali difetti o mancanze con raccomandata da spedire entro il predetto termine improrogabile.
usi
www.tipografiacrivellari.it


info@tipografiacrivellari.it